#YourCampingStory: Trevélez in Andalusia

Ogni settimana i gestori dei campeggi e i professionisti parlano avranno il loro spazio sul nostro blog e condivideranno con noi un un po' della loro terra e della loro vita quotidiana, dandoci l'opportunità di respirare dell'aria pura. Oggi ospitiamo Xavier Fernandez del camping Trevélez, in Andalusia.

Quando i suoi clienti vengono in vacanza per la prima volta da voi, che consiglio dà loro? Qual è la cosa da fare per eccellenza? L'esperienza imperdibile?

Quando i clienti arrivano al campeggio, osservo molto e cerco di scoprire cosa potrebbe interessare loro. La prima cosa che suggerisco sono i percorsi di montagna, in modo che possano vivere e godersi tutto ciò che i miei occhi hanno visto in questi 15 anni in cui ho esplorato ogni angolo di questo territorio. Ma devo conoscere i limiti di ogni cliente, e per questo abbiamo percorsi di ogni tipo e livello, con i quali finisco per offrire un percorso personalizzato per ogni cliente o famiglia, ma li spingo sempre ad eccellere e in seguito mi ringraziano. Quindi, per premiare lo sforzo, regalo tutti i piaceri che offre la nostra bella città di Trevélez e la stessa Alpujarra. Gastronomia, cultura, storia e passeggiate per le strade così tipiche e uniche, dove scoprirete le cose più belle che i vostri occhi abbiano mai visto.

Siete di certo consapevoli che accoglierete presto dei clienti che sono stati confinati a casa per parecchie settimane: qual è secondo lei il miglior consiglio da dar loro affinché approfittino al meglio del soggiorno presso la vostra struttura?

Molte persone hanno dovuto stare confinate in piccoli luoghi, con luce artificiale e suoni fastidiosi, che non consentono alla mente di riposare e ostacolano il riposo. Il miglior consiglio che abbiamo per i nostri clienti è di approfittare della natura all'interno del campeggio e dei suoi piacevoli suoni di uccelli e di altri esseri, così come il corso d'acqua che attraversa l'intero campeggio che potrà calmare la mente. Si potrà anche godere della luce delle stelle e della luna, senza luce artificiale che impedisce di contemplare tutta la sua bellezza, poiché dalla mezzanotte, spegniamo sempre le luci del campeggio, in modo che i clienti possano vedere questo spettacolo notturno.

Avete posticipato le date di apertura a causa del coronavirus. Ha pensato a dei servizi direttamente legati al bisogno di convivialità ma anche di sicurezza? Oppure ad altre prestazioni pensate appositamente per questa stagione così particolare?

Da quando é partito lo stato di allarme nel nostro paese, abbiamo lavorato per 35 giorni per preparare l'arrivo dei nostri clienti. Abbiamo iniziato a pittare, correggere eventuali imperfezioni in sospeso, ma abbiamo anche pulito il terreno di stoppie, foglie, rami, in modo che sia tutto molto pulito. Il grande vantaggio di avere la terra che abbiamo e lo spazio aperto è che si puo' vivere insieme mantenendo la distanza. Oltre a questo, diamo sempre la possibilità che il cliente possa scegliere una piazzola per avere la privacy di cui ha bisogno, l'abbiamo già fatto prima del COVID-19, per il quale il cliente era infinitamente grato. Quindi d'ora in poi sarà ancora più richiesto dai clienti e continueremo a offrire una scelta di spazio, in modo che i clienti possano essere separati e sentirsi totalmente al sicuro. Inoltre, i nostri servizi igienici saranno forniti di sapone per i nostri clienti e disinfettati due volte al giorno come facevamo prima. Forse daremo maggiore enfasi alla disinfezione, ma il nostro campeggio era già molto attento alla pulizia dei servizi igienici prima di COVID-19, quindi continuerà ad esserlo.

Lei conosce bene la sua regione e i suoi abitanti, con il loro bagaglio culturale e gli elementi caratteriali che li contraddistinguono. Potrebbe darcene una definizione sintetica? Citarci le parole chiave che meglio descrivono la vostra zona e i suoi abitanti? 

In realtà sono nato a Barcellona, ma ho vissuto lì solo fino a 10 anni. Più tardi sono tornato per esplorare la Catalogna e il suo fascino. È una regione con così tante variazioni nella natura, nella cultura e nella storia che le sue bellezze non cessano mai di essere scoperte, non importa quante volte ci si va. A proposito delle persone che vivono lì, potrei dire che sono molto laboriose ed educate e che amano la loro terra.

Avete di sicuro dei clienti storici, vacanzieri fedeli affezionati alla vostra struttura e alla regione. Secondo lei, perché le persone vengono e ritornano nel vostro campeggio?

Sappiamo per prima cosa che ci sono due fattori fondamentali per cui il nostro cliente ritorna al nostro campeggio. Uno è il Parco Natura Nazionale della Sierra Nevada e la sua natura spettacolare, e l'altro è il trattamento stretto e umano che diamo al nostro cliente. Ma la cosa più incredibile dei nostri clienti è che dopo molti anni che ci visitano, potrebbero scegliere altre destinazioni naturali per un cambiamento, ma vogliono tornare al campeggio Trevélez, per vederci, e perché, come si dice, vivono un'energia speciale e unica tra i nostri clienti e questo luogo, ed è ciò che fa sì che i nostri clienti fedeli continuino a ritornare.

Parliamo di umano, di scambi sociali. Ci potrebbe fornire 3 parole o espressioni che definiscono al meglio la vostra squadra, i valori e lo spirito della vostra struttura?

  • Accoglienza
  • Servizio
  • Trattamento personalizzato e umano

Mettete in atto delle condizioni di annullamento particolari? Avete snellito le vostre condizioni di vendita per facilitare le prenotazioni da parte dei vostri futuri clienti? Se sì, quali?

Ci siamo adattati alle circostanze e modificato le nostre condizioni di cancellazione e mentre prima, non era possibile annullare o cancellare la prenotazione qualche giorno prima dell'arrivo, ora offriamo di mantenere tale prenotazione per 6 mesi per i connazionali e fino a 1 anno per gli altri. Abbiamo già applicato queste condizioni e il cliente ci è stato molto grato comunicandoci il suo desiderio di venire per la prima volta o di tornare di nuovo.

Le andrebbe di svelarci uno dei suoi segreti? Ad esempio, qual è la cosa che ama fare quando chiude il campeggio a fine stagione? (Gastronomia, territorio, camminate, attività, hobby, viaggi, riposo, altro…).

Non chiudiamo mai il nostro campeggio, ma ci godiamo l'ambiente circostante. Siamo alpinisti e ciclisti, quindi ad ogni compleanno, o alla festa del papà, alla festa della mamma, o semplicemente nei giorni liberi, ci siamo dati un itinerario per ogni occasione, sia in coppia con mio marito, sia con le nostre figlie . I nostri doni sono stati avventure in montagna, percorsi in bicicletta fino a 3.000 metri, dormire in una laguna, canyoning, condividere sforzi, cibo, bevande ed emozioni straordinarie. E dopo questi sforzi, goderci la nostra squisita gastronomia.

Lascia un commento Tutti i campi indicati con un * sono obbligatori
Il commento è inviato, sarà sottoposto alla validazione del nostro team. Grazie.